Roma, un nome che sa di storia, la famosa città eterna. Probabilmente non esiste città più affascinante da visitare alla luce del sole.
Ma Roma nasconde anche una parte più sinistra, meno conosciuta, meno visitata, nascosta tra le tenebre ma che vale la pena conoscere.
Abbiamo preparato per voi una breve descrizione di alcuni luoghi, imperdibili per gli amanti dell’horror:

L’ospedale delle bambole: conosciuto a Roma con il nome “Il negozio del terrore” per via della sinistra vetrina che presenta varie teste, braccia e gambe di varie bambole, si tratta di un piccolo negozietto, di circa 15 metri quadri che si trova vicino Piazza del Popolo, in Via di Ripetta. Di tenebroso c’è ben poco, ma sicuramente è un posto molto suggestivo da visitare.

La Chiesa di Santa Maria Immacolata: a rientrare nel tema “horror” non è la chiesa in sé per sé, che si trova in Via Veneto, ma quello che nasconde nei suoi sotterranei. Stiamo parlando della Cripta dei Cappuccini, ovvero un cripta-cimitero decorata con le ossa di circa 4000 frati cappuccini, comprendenti teste, femori ed ossa varie databili 1528-1870. Inoltre sono presenti 5 cappelle che conservano alcuni corpi di frati mummificati che indossano ancora i loro vecchi vestivi. A rendere tutto ancora più macabro, è una targa che troviamo all’interno della cripta e che recita “Quello che voi siete noi eravamo, quello che noi siamo voi sarete”.

Il Museo Laboratorio della Mente: sono tanti i film horror ambientati in un vecchio manicomio abbandonato. Forse perché a far paura non è tanto quello che vedi, ma quello che non puoi spiegarti. Beh, se vuoi saperne un po’ di più sui manicomi, allora questo “manicomio” adattato a Museo è una tappa obbligata, perfetto per conoscere quali sono state le torture e le atroci condizioni alle quali erano confinati i poveri pazienti che un tempo erano ricoverati in questo edificio.

Profondo Rosso Store: dulcis in fundo, il museo dell’horror per eccellenza, museo che il regista del macabro più famoso del mondo, Dario Argento, ha regalato alla capitale. Situato in Via dei Gracchi, presenta un percorso sotterraneo tra i vari set e le riproduzioni delle scenografie più celebri delle opere horror del regista romano. Avrete la possibilità di ammirare, tra le altre cose, la maschera che indossa il bambino in “Phenomena”.